Anche per le sanzioni ICI/IMU si applica il beneficio della continuazione e la contestazione della sanzione non impedisce l’applicazione del beneficio anche ai periodi d’imposta successivi

condividi questo articolo su:

Corte di Cassazione, sezione tributaria civile, 16 giugno 2020 n. 11612 

Sanzioni Tributarie – ICI – applicazione dell’istituto della continuazione a beneficio del contribuente – ammissibilità – violazioni della stessa indole commesse in diversi periodi d’imposta – sufficienza

Le più favorevoli disposizioni previste dall’art. 12, co. 5 del D.Lgs. 472/97 in tema di “continuazione” si applicano anche alle sanzioni di periodo previste dalla disciplina ICI (e quindi anche IMU).

L’istituto della continuazione, che prevede l’applicazione di una sanzione rafforzata, per tutto il tempo in cui la violazione è stata reiterata (più periodi d’imposta), dalla quale vengono poi scomputate le sanzioni irrogate nei singoli periodi d’imposta, è visto con favore dall’ordinamento.

Il fine è quello di favorire il contribuente che verrebbe altrimenti inciso da una sanzione complessivamente eccessiva. Infine, l’interruzione della continuazione a seguito della notifica della contestazione della sanzione non impedisce l’applicazione del beneficio ai periodi d’imposta successivi a tale contestazione interruttiva.

Autore: MICHELE SONDA

Esperto in contenzioso tributario
e difesa del contribuente.

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo su :

TAG :
Articolo precedente
Reati tributari: la confisca diretta, per equivalente ed allargata
Articolo successivo
La semplice richiesta di erogazione di un finanziamento infruttifero e la dazione della somma non salva la controllata dalla contestazione di fruttuosità del mutuo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

leggi anche:

Menu