Differimento versamenti a seguito calo fatturato previsto dal Decreto liquidità

condividi questo articolo su:

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto “Liquidità”, che tra le misure prevede la possibilità di sospendere i pagamenti fiscali/contributivi di aprile e maggio

Si possono sospendere:

  • Ritenute,
  • Contributi previdenziali e assistenziali sul lavoro dipendente,
  • Inail sul lavoro dipendente,
  • IVA,
  • INPS autonomi (serve apposita circolare INPS non ancora emanata),

i cui versamenti scadranno nei mesi di aprile e maggio.

La possibilità di NON pagare adesso (ma si pagherà a giugno) vale per coloro che hanno subito un calo del fatturato/corrispettivi nel mese di marzo 2020 di almeno il 33% rispetto a marzo 2019 o nella stessa misura nel mese di aprile 2020 rispetto ad aprile 2019.

La stessa sospensione è prevista per chi ha iniziato l’attività dopo il 31 marzo 2019.

Come detto i versamenti sospesi dovranno essere effettuati nel mese di giugno o in cinque rate da giugno in poi.

E’ FONDAMENTALE QUINDI VERIFICARE SUBITO SE SI HA DIRITTO ALLA SOSPENSIONE SULLA BASE DEL PREDETTO CALO DI FATTURATO (ricavi da fatture + corrispettivi).

Potete trovare in allegato l’avviso:
Differimento versamenti a seguito calo fatturato previsto dal Decreto liquidità

Autore: MICHELE SONDA

Esperto in contenzioso tributario
e difesa del contribuente.

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo su :

TAG :
Articolo precedente
Reati fiscali – Corte di Cassazione, III sezione penale, sentenza del 14 aprile 2020 n. 12058
Articolo successivo
Presupposto impositivo Irap per commercialisti che assumono incarichi di sindaco – Corte di Cassazione, VI sezione civile, sentenza del 5 maggio 2020 n. 8451

leggi anche:

Menu