Il contratto di stock lending stipulato a soli fini di arbitraggio fiscale deve ritenersi nullo per mancanza di causa

condividi questo articolo su:

Corte di Cassazione, sezione tributaria civile, sentenza del 4 giugno 2020 n. 10551

Elusione fiscalecontratti di stock lending stipulati a fini fiscali – nullità per mancanza dell’aspetto aleatorio del contratto – sussiste – arbitraggio tra regime di parziale imponibilità dei dividendi esteri e la piena deduzione della commissione – inammissibilità.

La stipula di un contratto di prestito azionario volto a monetizzare l’arbitraggio tra la deduzione della commissione pagata (in relazione ad una scommessa – sempre persa- sull’entità degli utili distribuiti sulle azioni prese a prestito) e il più favorevole trattamento fiscale degli utili provenienti da società situate nello spazio dell’Unione Europea deve ritenersi effettuata a danno delle ragioni dell’Erario.

L’operazione deve ritenersi nulla per assenza di causa oltre ad essere abusiva del diritto (nella previgente versione di cui all’art. 37-bis del D.p.r. 600/73).

Autore: MICHELE SONDA

Esperto in contenzioso tributario
e difesa del contribuente.

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo su :

TAG :
Articolo precedente
Decreto Rilancio: Agevolazioni per spese utili alla messa in sicurezza degli ambienti
Articolo successivo
Riepilogo crediti d’imposta legati ad emergenza Coronavirus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

leggi anche:

Menu