Presupposto impositivo Irap per commercialisti che assumono incarichi di sindaco – Corte di Cassazione, VI sezione civile, sentenza del 5 maggio 2020 n. 8451

condividi questo articolo su:

Corte di Cassazione, VI sezione civile, sentenza del 5 maggio 2020 n.8451

Autonoma organizzazione e presupposto impositivo IRAP – Socio di studio associato che svolge anche attività di sindaco di societàmancanza del presupposto dell’imposta ex art. 2 del D. Lgs. 446/97 – sussiste – attività di sindaco – dimostrazione dell’assenza dell’autonomo elemento organizzativoirrilevanza

Il commercialista che, oltre a essere socio di uno studio professionale associato, potendo beneficiare quindi delle potenzialità e delle amplificazioni operative date dal supporto del personale di segreteria o dalla sostituzione dei colleghi, assume in proprio incarichi di sindaco di società non sconta l’IRAP sui compensi derivanti da queste prestazioni professionali di carattere personale.

Egli non è tenuto, limitatamente a questi incarichi, a dare alcuna prova in merito all’assenza dell’autonomo elemento organizzativo (art. 2 del D.lgs. 446/97), come invece dovrebbe fare se volesse sottrarsi all’imposizione anche in relazione dell’attività svolta in forma associata.

Autore: MICHELE SONDA

Esperto in contenzioso tributario
e difesa del contribuente.

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo su :

TAG :
Articolo precedente
Differimento versamenti a seguito calo fatturato previsto dal Decreto liquidità
Articolo successivo
Accertamento tramite redditometro per il coniuge – Corte di Cassazione, sezione tributaria civile, sentenza del 11 maggio 2020 n. 8733

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

leggi anche:

Menu